fbpx

Si è aperta una nuova stagione di prenotazioni per il servizio fotografico di matrimonio e con l’arrivo delle coppie nel mio studio mi capita di sentire frasi ricorrenti.
Ovviamente la prima è quella di non essere abituati a richiedere un servizio fotografico. Per molti questa è la prima esperienza nel mondo della fotografia e si trovano spaesati nel dover scegliere uno degli aspetti più importanti del matrimonio senza avere nessuna conoscenza nel campo.

Nonostante ad ogni consulenza cerchi di chiarire le idee e rispondere ai dubbi dei miei sposi, mi rendo conto che il tempo di una chiacchierata non basti per parlare di argomenti che in un certo senso hanno bisogno di un maggiore approfondimento culturale e sociale.

Per esempio, una delle preoccupazioni maggiori che mi capita di sentire dagli sposi è il metodo con cui lavoreranno i fotografi nel catturare le loro immagini: alcuni preferiscono essere guidati, altri che il fotografo riprenda la giornata in modo fotogiornalistico senza interferire con lo svolgimento degli eventi.

Penso che questa preoccupazione sia nata principalmente per colpa di un marketing troppo aggressivo da parte dei fotografi che per cercare di differenziarsi dalla concorrenza, in realtà creano solo più ansia per gli sposi.
Tutte le coppie che incontro sono confuse dalle troppe offerte in giro, paroloni su paroloni per vendere i propri servizi, gente che si inventa nuove categorie di fotografia, clienti sempre più confusi perché non sono abituati ai termini del nostro settore e non sanno dove sbattere la testa nella scelta dell’uno o dell’altro.

Facciamo chiarezza.

Cosa vuol dire foto posate:

Si tratta di foto in cui il fotografo vi guida nella posa perfetta, è praticamente costruita da zero e del tutto non spontanea.

Come riconoscere i vari stili di fotografia di matrimonio e quale scegliere

Cosa vuol dire foto reportage:

In questo caso il fotografo non “contamina” la scena, ma la riprende da un punto di vista esterno documentando solamente i momenti che accadono naturalmente. Nel gergo fotografico questo genere si chiama fotogiornalismo.
Se ti interessa saperne di più, ho scritto un articolo più dettagliato a riguardo che puoi leggere qui:

Chi sono i fotogiornalisti e come riconoscerli

Ok, lo so sarò un po’ drastica scrivendo questo, ma abbi pazienza e seguimi nel discorso ancora un po’.

I contro della fotografia posata:

  • Le pose in genere vengono “copiate” da altre foto o comunque vengono proposte sempre le stesse, facendo risultare alla fine il vostro matrimonio una copia di un’altro o tanti altri
  • Affidandovi del tutto alla mano del fotografo fate si che realizzi la sua visione del vostro matrimonio, magari mettendo in secondo piano la vostra identità invece di mostrare il vostro modo di essere.
  • Di solito vengono usate luci e postproduzione “alla moda”, ma bisogna ricordarsi che le mode passano, ma l’album di matrimonio resta.
  • Bisogna essere bravi attori per riuscire ad ottenere un buon risultato con delle foto posate. Non è detto che quella foto che il fotografo vi ha fatto vedere e di cui vi ha fatto entusiasmare sia facile da ricreare, ne per lui, ne per voi. Magari è realizzata in un differente orario, con altre condizioni climatiche, con un’illuminazione particolare o con una posa difficile da ricreare per gli sposi. Di sicuro, non sarà mai come l’originale.
  • Molto spesso nelle foto posate manca l’emozione e la spontaneità. Eh si perché sorridere per diversi minuti porta inevitabilmente a perdere la spontaneità dell’atto, e nelle foto risulterà un viso dal sorriso finto e magari anche annoiato.
  • Consegna di meno foto: per mettere in posa due persone ci vuole tempo, specialmente se non sono dei modelli e non sono abituati a stare davanti alla camera. Questo porta sicuramente ad abbassare drasticamente il tempo dedicato a scattare mentre aumenta quello della preparazione: prova delle luci, preparazione del set, guida alla posa agli sposi… che noia! Tutto questo può impiegare diversi minuti che verranno sottratti al tempo delle foto, ma anche della festa.
  • A fine giornata vi sembrerà di aver sposato il fotografo! Vi siete goduti la festa o avete passato l’intero tempo a seguire le indicazioni del fotografo?
    Ricordatevi che è il vostro giorno, siete voi i protagonisti, non lui.
    Molti fotografi sono troppo presenti e invadenti, vogliono mostrare la loro bravura, finendo per prendersi tutta l’attenzione. Volete che il fotografo lavori per voi e con voi, non che usi il vostro giorno speciale per il suo spettacolo.

I contro della fotografia di reportage:

  • Il fotografo scatta centinaia di foto, ma non ricevendo nessun feedback da lui non sai se ti ha ripreso nel modo giusto o ti ha scattato in continuazione con quel difetto che tanto odi in primo piano! Sicuri di volere affidare al caso tutte le foto del vostro matrimonio?
  • Nessuna indicazione è quasi peggio di troppa indicazione. Le foto appaiono confusionarie perché nessuno sa cosa deve fare, ci sono elementi che distraggono perché il fotografo non si è preoccupato di toglierle, il risultato è spesso raffazzonato e approssimativo.
  •  Alcuni hanno adottato la politica di eliminare del tutto la sessione fotografica degli sposi dopo la cerimonia; come risultato non ci sarà nessuna foto studiata con un bello sfondo e con trucco e parrucco perfetti prima di dirigersi al luogo della festa, ma soltanto foto con i bicchieri vuoti in mano, posate in bocca e capelli scompigliati da ore di balli scatenati. Per carità, io amo fare le foto alla festa, catturare momenti inaspettati, divertenti, emozionanti tra gli invitati, ma siete sicuri di voler appendere quelle foto alle vostre pareti di casa?
  • La verità è che dietro alla parola reportage, spesso si nasconde un amatore o una persona non competente. Per fortuna non è sempre questo il caso, ma attenzione a chi si spaccia per fotogiornalista soltanto perché non è in grado di capire quale sia la situazione migliore dove posizionarvi per delle belle foto o come dirigervi per apparire al meglio nelle foto.

Quale stile fotografico scegliere quindi e come risolvere questi problemi?

La soluzione

La soluzione a tutti i problemi elencati sopra esiste, ed è una realtà che nessuno racconta perché ci fanno sembrare inevitabile dover scegliere tra opere d’arte o foto vere e naturali.

Ecco la verità: puoi avere tutte e due!

“In medio stat virtus” ovvero “La virtù sta nel mezzo”.

Non devi rinunciare ad avere foto artistiche e di qualità se scegli di volere uno stile spontaneo e naturale.

Non serve lasciare tutto al caso per avere una foto vera.

Credo fermamente che la maggior parte delle situazioni debbano svolgersi in maniera naturale. È sacrosanto per me rispettare il corso degli eventi, per non togliere importanza e solennità ai momenti più significativi del matrimonio. La missione di un fotografo è di documentare e riprendere l’emozione del momento.
È responsabilità del fotografo però accertarsi che sia tutto perfetto mentre voi vi godete il momento senza preoccupazioni. Preoccuparsi solo di scattare tantissime foto senza badare alla composizione, allo sfondo e agli elementi di distrazione è un errore da principianti.
Un fotografo esperto sa come risolvere i problemi più comuni e si attiva velocemente per garantirti la qualità in ogni singolo momento dell’evento, senza nemmeno che tu te ne accorga.

Non serve creare finte situazioni per avere una foto artistica dove siete al vostro meglio.

Molti scelgono la fotografia di reportage perché non amano mostrarsi davanti alla camera e quindi pensano che se il fotografo è invisibile, usciranno meglio. Ma la realtà è che senza nessuna direzione, si rischia di avere l’effetto contrario.
“Ma quindi se scelgo la fotografia non posata vuol dire che verrò col doppiomento in ogni foto?”
Assolutamente no!
Personalmente amo rassicurare ogni coppia che entra nel mio studio che daremo piccoli consigli e suggerimenti su come mostrarsi al meglio. Chi sceglie il servizio prematrimoniale, ha già modo di provare e mettere in pratica tutti i miei trucchetti. E il giorno del matrimonio, documento con discrezione ma a volte anche con qualche gentile direzione.
Nelle mie foto non vedrai mai sorrisi finti o pose impostate. Ma la mia conoscenza sulla fotografia e la mia professionalità è messa al vostro servizio per ottenere il migliore dei risultati in qualsiasi situazione.

Mostrate chi siete

Un fotografo ha la responsabilità di creare le vostre memorie, è il custode dei ricordi di tutti quei momenti che vorrete conservare con amore. Per questo deve avere una buona empatia, deve essere in sintonia con le vostre esigenze e deve farvi rivivere le emozioni di quel giorno negli anni avvenire.

A me piace conoscere gli sposi, capire che carattere hanno, che tipo di foto desiderano, quali sono i loro gusti, le loro passioni, per poterle integrare nella mia fotografia e fare in modo che li rispecchi e parli di loro.
Nessun servizio è uguale all’altro perché ogni coppia è unica, e così deve essere anche il servizio. Unico ed originale, attento, professionale, scrupoloso, ma soprattutto sentito.
Si può avere una foto artistica, elegante e raffinata anche senza dover ricorrere a chissà quali metodi.

Il segreto è la semplicità

Con Scatti Speciali avrai la sicurezza di avere un servizio raffinato, elegante, creativo, onesto, ma sempre con un po’ di magia all’interno!
Scatto matrimoni da anni, e mi occupo solo di questo. Avrete la sicurezza di avere intorno professionisti del settore, ci aggiorniamo costantemente e cerchiamo sempre di dare il massimo
Non uso la produzione di massa. Ognuno ha la sua personalità e provo a riflettere questo nella mia fotografia. Documento con discrezione ma a volte anche con qualche gentile direzione.
Sono sempre un valido supporto durante tutta l’organizzazione del matrimonio per consigli e suggerimenti. Aiuto i miei sposi in ogni fase del matrimonio per far si che tutto scorra tranquillamente e serenamente.
Ascolterò le vostre paure e timori e le risolveremo insieme. Avrò premura di occuparmi di voi in modo che possiate vivere una bellissima esperienza: divertente, emozionante e leggera.

Vi aspetto nel mio studio per conoscervi e mostrarvi i miei lavori! Parlatemi di voi, di come vi siete conosciuti, i vostri progetti, il vostro sogno e come posso aiutarvi a realizzarlo. Potete contattarmi inviandomi un’email a info@scattispeciali.it o compilando il modulo sulla pagina contatti. Possiamo incontrarci o se siete lontani sentirci telefonicamente o con una videochiamata via Skype. Sarò felicissima di ricevere vostre notizie.

Ti è piaciuto? Condividilo: Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr